sam_janeway_cristoforetti

Samantha “Janeway” Cristoforetti

Il titolo è praticamente copiato da quello di Paolo Attivissimo, ma è azzeccatissimo.

Per un appassionato trekker una scena del genere se non è quasi la realizzazione di un sogno è come minimo la materializzazione di una speranza in un momento e luogo reale del nostro universo!

EPICO!

Ecco il tweet originale:

E la scena di Star Trek: Voyager citata dall’astronauta italiana:

timbro_sigillo_templare_0

Il timbro

La domanda è semplice e contemporaneamente irritante e frustrante per chiunque abbia sete di un po’ di efficienza e di voglia di fare le cose “al verso” come si dice dalle mie parti.

Perché nel 2015 in Italia ancora ti chiedono IL TIMBRO per firmare documenti?

Capite il punto?
Qui si discute di ecommerce, piattaforme software, agenda digitale, informatizzazione, software libero, riuso, innovazione (una delle parole usate peggio degli ultimi tempi) e chi più ne ha più ne metta.
Ma ogni volta che vado in banca o alle poste o abbia a che fare con un’assicurazione o con  un ente pubblico per pratiche aziendali (ma per le associazioni è uguale per dire) non solo mi chiedono di fare millemila firme su moduli di carta, ma mi chiedono di portare IL TIMBRO!

Non dico di non firmare neanche un foglio.
Non dico di arrivare alla firma GPG per tutti.
Non dico di implementare tutto come smart contract su una blockchain.

Ma il timbro con l’inchiostro no, non lo sopporto più come elemento necessario (se non essenziale) per concludere una pratica.

E la cosa irritante è che non puoi evitare di usarlo, perché la legge alla fine lo prevede, e quindi devo pure metterli sui contratti per i miei clienti, che suppongo ne farebbero volentieri a meno almeno quanto me.

internets_own_boy_purchase

Finalmente posso guardare Internet’s Own Boy, il documentario su Aaron Swartz

Si perché quando è uscito era disponibile solo in Nord America e Canada, e l’ultima volta che ho cercato di comprarlo per scaricarlo senza dover passare da VPN o proxy, il laconico avviso compariva sempre: Questi contenuti non sono disponibili in Italiano, o anche This title is unavailable in your region, o altri similmente imbarazzanti.

Il che è al limite del ridicolo per un documentario sul tema della libertà digitale e sull’attivisimo nell’ambito della libera informazione.

Ma tant’è, ancora non ero riuscito a comprarlo e mi sono ovviamente rifiutato di scaricarlo senza pagarlo perché mi pareva altrettanto ridicolo.

A onor del vero puntualizzo che da diverso tempo non controllavo se fosse disponibile, e comunque l’ho trovato acquistabile solo su Vimeo in una pagina apposita per chi non risiede in USA o Canada, perché in tutte le altre piattaforme di distribuzione che ho visto o non si può vedere in Italia o è legato ad un dispositivo o una piattaforma in particolare che non uso, tipo Xbox, PlayStation, Kindle Fire, o altri (eccezione per vudu.com dove pare acquistabile ma non mi sono registrato per controllare).

Un plauso a Vimeo che anche se con ritardo almeno ti fa scaricare un file che puoi vedere dove ti pare e quando ti pare!

In ogni caso finalmente ce l’ho e spero di trovare rapidamente una serata per guardarmelo!

calibre-ebook-logo

Donazione di oggi: Calibre ebook management

Scrivere codice costa: tempo, denaro, impegno. Anche se è un software amatoriale. Non mi stancherò mai di dirlo.

Quindi se usate un software libero o open source che vi è davvero utile e che volete contribuire a migliorare non esitate a supportarlo. Ci sono molti modi, compreso quello economico.

La mia donazione di oggi è per Calibre (http://calibre-ebook.com) insostituibile applicazione per GNU/Linux, Windows e OS X per gestire la vostra collezione di ebook con supporto completo ai vostri lettori ebook.

The_Document_Foundation_logo_and_wordmark

Member of The Document Foundation

Since January 1st 2015 I’m officially and proudly a member of The Document Foundation Board of Trustees.

I’m happy for this and just let me say thank you to project’s founders, developers and whole community – in particular to Italian community – for such a huge and useful contribution to FLOSS made by such loving and inspired people.

Now, just do it! :)

Inviti per acquistare OnePlus One

Sono da poche settimane felice possessore di un OnePlus One e mi sono arrivati alcuni inviti per acquistare un One – 64 GB Sandstone Black.

Ce l’ho da poco e non voglio fare né recensioni né confronti di sorta, ma devo dire che è un gran bello smartphone e mi ci trovo benissimo.
Non mi fa rimpiagere i due precedenti Nexus, che comunque continuo ad usare per altri scopi.

Gli inviti sono pochi e scadono in pochi giorni, quindi se ne volete uno per fare l’acquisto a breve scrivetemi in privato entro un paio di giorni. Poi pubblicherò i link degli inviti, così potranno usarli anche persone che non conosco direttamente.

Gli inviti richiesti saranno inviati con uno stack rigorsamente FIFO, quindi chi tardi arriva male alloggia! :-)

Condivisione server-to-server con ownCloud 7 per sincronizzare in locale più account

Ci ho dovuto perdere un po’ di tempo ma poi sono riuscito a capire come funziona la condivisione server-to-server di OwnCloud 7 e a capire, di conseguenza, come fare per risolvere un problema che a leggere dai forum sembra diffuso: sincronizzare in locale, tramite applicazione desktop, file e cartelle da diversi server ownCloud mantenendo tutto diviso.

Scenario di esempio

  • Server OC1 (oc1.mioserver.it): contiene file del lavoro
  • Server OC2 (oc2.mioserver.it): contiene file di una associazione
  • L’amministratore si sistema di OC1 non deve accedere ai file di OC2 e viceversa
  • Io ho accesso a file su entrambi i server e voglio poter avere tutti i file, sempre di entrambi i server, su tutti i miei pc in locale, tramite l’applicazione desktop di ownCloud.

Lo scenario, se girate per qualche forum, vedrete che è abbastanza diffuso, perché in fin dei conti separare i documenti personali da quelli di lavoro è una prassi sicuramente molto usata.

La prima soluzione che mi era banalmente venuta in mente era di avere il supporto per più account sull’applicazione desktop di ownCloud come succede per quella mobile di android ad esempio.

multiaccount_android_owncloud7

Aggiunta di più account con l’applicazione Android di ownCloud

Ma l’applicazione desktop non ha questa funzionalità e chiedendo e leggendo in giro l’unica risposta che i più esperti davano era uno stringato “use server-to-server sharing” o qualcosa anche di meno educato! :-O

Dal momento che la condivisione server-to-server è una funzionalità davvero utile ho colto occasione per fare qualche test ed in effetti ho risolto lo scenario scritto sopra.

Soluzione

Continua a leggere

bimbisulmondo

Perché non pubblicare niente online riguardo ai figli

“Rubare” o non “rubare” l’identità digitale dei bambini?

Leggete questo articolo di Amy Webb su Slate, soprattutto se siete già genitori.
Forse il “fondo fiduciario digitale” non è così utile a tutti, e probabilmente è meno facile da comprendere per gli italiani che sono meno un po’ meno avvezzi alla cultura digitale rispetto all’autrice dell’articolo originale, che è americana.

Ma siate consapevoli che l’identità digitale è qualcosa con cui i bambini di oggi avranno a che fare necessariamente quando cresceranno e merita la stessa attenzione di qualsiasi altro aspetto che riguarda il loro futuro.
Conoscere i pericoli è il primo passo non solo per evitarli ai bambini, ma anche per spiegar loro come evitarli da soli quando saranno grandi; chi si sognerebbe di pubblicare un manifesto in strada di tutto quello che succede ai suoi figli? O chi si sognerebbe di non insegnare ai propri figli come attraversare la strada?

LInk all’articolo originale in inglese:
http://www.slate.com/articles/technology/data_mine_1/2013/09/facebook_privacy_and_kids_don_t_post_photos_of_your_kids_online.html

Traduzione in italiano su Il Post:
http://www.ilpost.it/2014/11/21/la-privacy-dei-nostri-figli-online/