Xfce o gnome 2 di mint 12, no?

Ciao, anche io ho sempre usato gnome e ubuntu con incursioni verso altre distro e altri DE, ma sono sempre tornato a casa. Dopo la 11.04 usata con gnome classico ho installato la beta di kubuntu 11.10 e ho visto che funzionava troppo male (ok, era una beta, ma a tutto c’è un limite). Tra me e kde non c’è mai stato feeling per quanto abbia cercato di farmelo piacere. Lo trovo confusionario, ricco di cose che non mi servono, ( i plasmoidi? che me ne faccio?) più avido di risorse di gnome e soprattutto molto meno stabile e affidabile. Sono quindi passato a xubuntu che ho gnomizzato un po’ togliendo un po’ di applicazioni di xfce e sostituendole con le controparti gnome. Non sono entusiasta perchè xfce è un po’ troppo povero per certi versi, ma risparmio un po’ di ram e credo che ad oggi, per me, io abbia fatto la migliore scelta possibile. Poi a novembre se tutto va bene uscirà mint 12 con gnome 2.32: la proverò sicuramente e la terrò se funziona bene. Insomma, per ora non è necessario passare a kde.
Per concludere, preferisco comunque gnome-shell a unity, ma ora lo trovo ancora troppo acerbo… se ne riparlerà con gnome 3.6
Scusa la lunghezza del post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.