Ricetta Italia

Dopo aver seguito i post di Simone e i vari commenti che sono seguiti, mi è venuta voglia di rispondere e l’ho fatto commentando un suo post.
I post a cui mi riferisco sono:

Riporto il commento di seguito, per quelli che volessero trovarlo più facilmente tra i miei post.

Ciao Simone,

ho seguito i tuoi post di questi giorni, e intanto grazie per il tuo interessamento nelle faccende italiche…mi da sempre qualche stimolo in più per non demordere! 

Purtroppo però rispondo con alcune brutti esempi, di quelli forse poco significativi in “valore assoluto”, ma altamente demotivanti per chi ci sbatte le corna quotidianamente.
Insomma più o meno emblematici. 

 

Esempio 1:
Poste Italiane – Servizio di tracciamento delle raccomandate attivo dalle 07.00 alle 23.00.

Chissà quanto avranno speso per la rete neurale e il personale specializzato che la sera alle 23, in pieno orario notturno con maggiorazione, spegne i datacenter del servizio di tracciamento!
E questa è solo la punta dell’iceberg della questione infrastrutture in Italia.

Esempio 2:
Tasse – Ipotesi di nuova tassa sugli SMS per finanziare la Protezione Civile. Ipotesi subito smentita dal governo, probabilmente, aggiungo io, appena si son fatti vivi gli operatori telefonici (forse 2 centesimi erano pochi).

Un passo indietro esemplare per una volta, no?!
NO.
Perché le persone sono comunque convinte, anche se poi non risultasse vero, che questi 2 centesimi li pagheremo diversamente, magari con una bella imposta indiretta affogata tra le pieghe di qualche altro decreto legge alla vecchia maniera!

E magari anche con importo maggiorato, perché bisogna tirare la cinghia, c’è la crisi, tutti devono fare la loro parte, sarebbe da irresponsabili non essere rigorosi con il bilancio dello stato, e bla bla bla bla…intorno ai massimi sistemi del mondo.

Insomma, io non sono certo pratico di incubator, startup e mentoring, ma una cosa è certa: qui i soldi ci sono, ma sono gestiti talmente male che riusciamo a pagare due volte le stesse tasse perché dopo il primo pagamento non si riesce più a trovarli.
Altro che milioni su un’agenzia governativa gestita con TRASPARENZA, e con potere esecutivo che non risponda ai politicanti!
La penso più o meno come te per molti aspetti, ma qui siamo lontani proprio a livello pratico.
Quello che non manca sono le buone idee (Founders) e i talenti tecnici. Degli altri ingredienti temo che in dispensa non ce ne sia ancora traccia. Bisogna partire dalle fondamenta.

E’ molto probabile che dica una fesseria grossolana, ma a mio modestissimo parere, sarebbe necessario imparare a lavorare sodo in proprio e non aspettare che i politicanti di tutti i livelli pensino al posto nostro, senza aspettare l’imbeccata, il favore, la conoscenza politica.
Si può fare, io lo faccio, ma è maledettamente difficile.
In ottica manageriale si potrebbe dire che questo approccio ha spesso effetti controproducenti rispetto allo scopo aziendale.

Alla tua lista però aggiungo un ingrediente altrettanto importante che spesso manca.
La voglia di fare in modo diverso.
Manca troppo spesso e purtroppo non c’è legge né stipendio che la possa creare dal nulla.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.